Core in puesia

Core in puesia

Couv 1 core in puesia icn

Prefaziu

Scrive ciò chì a tocca, ciò ch'ella vede è sente, u sguardu ch'ella hà nantu à a so terra di Corsica;

Scrive cum'è purtata da una brama furiosa di dì è di tramandà. Tramandà à a scola chì hè u so mistieru, tramandà inde e rime circate inde a furesta di e rime, tramandà inde a vita ogni ghjornu.

Da tuttu ciò chì fece ciò ch'ella hè oghje escenu fiure, striddi, affanni è amore.

Letizia hè pueta da l'intimu soiu à u tuccà di quelli chì leghjenu, è si sparghje l'incantu.

Aghju oghje l'onore è u piacè di apre stu capitulu novu di a so creazione sperendu di dà a voglia di leghje è di fà leghje, in silenziu o à voce rivolta per chì stu cantu venutu da u core, si sparghji purtendu fiori novi à a nostra parolla, u nostru verbu, i nostri sonnii.

A facciu cù piacè ma dinù affettu, chì a lingua stà in bocca di chì parla è chì l'umani campanu di i so scontri.

Aghju scuntratu a persona à tempu à a rima è sta tremenda vuluntà di dì.

Ne tengu in core u surrisu, l'incertezza è u dubbitu, a frenesia di scrive, u mutivu di l'amore.

Ch'ella spanni a racolta, da chjamanne altre, di e soie è di e vostre per chì dumane, sempre, fiurisca u piacè di i versi corsi accolti inde l'immensu mazzulu di a puesia umana è universale.

Patriziu Croce

Aucune note. Soyez le premier à attribuer une note !

Ajouter un commentaire