Dà l'annu'42 - Guidu Benigni

Dà l'annu'42 - 112 pages, 10€

Couv 1ere da l annu 42

Analia, lucalità imaginaria di a Puglia, in il tacco della botta, fù l’occasione d’un incontru à l’azardu d’isse ghjente di stintu paisanescu cum’elli piacenu à l’autore. Ghjente impastate di semplicità è di spuntaneità, generose è uspitaliere.

San Liseu, ancu ellu di nome inventatu, tene una certa sumiglia per ciò chì face u carattere è e mentalità, ma dinò e riazzione di u nostru populu`pettu à l’evenimenti.

L’evenimenti di l’annate ‘40 in isse duie lucalità, permettenu di mette in paragone e so viulenze, per pudè d’una certa manera ritene a lezzione è sopra à tuttu cunsiderà e cunsequenze quand’ellu si tratta di fattti dramatichi.

EXTRAIT - Prefaziu

Prefaziu

L’omu chì ùn hà micca vissutu l’evenimentu ùn ne pò parlà chè di manera scentifica, storica, dunque visione esciuta da i scritti più o menu ufficiali, da materiali rimanenti o venuta d’altre testimunianze scritte o orale, da l’archive o da tutte altre documentazione.

Quì ci vole à precisà chì tutta interpretazione d’un fattu storicu hè suspetta d’una vulintà di spone la secondu quellu chì si ne face u rapurtore. Questa chè spongu in un rumanzu, cumpresa. Dettu stu puntu, ci vole à cunsiderà altrimente a manera d’interpretà a Storia, quella chì si scrive cù una lettera capitale è face l’ogettu di manuali sculari o esce da l’analisi scentifichi di i storichi.

Quellu ghjornu di u ‘42, di nasu appiccicatu à i vetri di cucina, quandu ellu hà vistu tutti issi battelli vuculà cum’è vespe dananzu à u Portu Novu di Bastia, u zitellu di ondeci anni ùn pudia imaginà chì più tardi, ma bellu più tardi, à l’ascoltu d’una canzona taliana, tutti issi ritratti chì da chjucu avianu impressiunatu a so memoria, rivenerianu à interpellà lu, è di manera cusì forte, diventatu adultu.

Una canzona chì purtava cun ella u rincore di tutti l’omi, qualch’ella sia a so nazione, omi vittime d’un invadiu, d’una agressione, d’una inghjulia, d’una offesa. Issa canzona, universale, hè quella di una resistenza à tutte e straputenze, à tutte e pretensione, à tutti i barbarisimi, à tutti l’assalti chì volenu toglie a libertà è impone per forza u so putere.

È issa canzona l’aghju amparata per core è di core eccu la quì :

Una mattina mi sono alzato

O bella ciao, bella ciao, bella ciao ciao ciao,

Una mattina mi sono alzato

E ho trovato l'invasor.

O partigiano portami via

O bella ciao, bella ciao, bella ciao ciao ciao,

O partigiano portami via

Ché mi sento di morir.

E se io muoio da partigiano

O bella ciao, bella ciao, bella ciao ciao ciao,

E se io muoio da partigiano

Tu mi devi seppellir.

E seppellire lassù in montagna

O bella ciao, bella ciao, bella ciao ciao ciao,

E seppellire lassù in montagna

Sotto l'ombra di un bel fior.

Tutte le genti che passeranno

O bella ciao, bella ciao, bella ciao ciao ciao,

Tutte le genti che passeranno

Mi diranno: che bel fior.

E quest'è il fiore del partigiano

O bella ciao, bella ciao, bella ciao ciao ciao,

Quest'è il fiore del partigiano

Morto per la libertà.

Più tardi, a Corsica liberata, s’amparerà à cantà u "Chant des partisans" :

Ami, entends-tu le vol noir des corbeaux sur nos plaines ?
Ami, entends-tu les cris sourds du pays qu'on enchaîne ?
Ohé! partisans, ouvriers et paysans, C'est l'alarme !
Ce soir l'ennemi connaîtra le prix du sang et des larmes !

      È ancu più tardi, si canterà in corsu, cù Antone Ciosi :

Amicu ùn senti i curbacci in la piaghja arrabiati ?
Amicu ùn senti lagnà i paesi incatenati ?
Aiò, patriotti di campagna o di cità chì hè l'ora !
Sta sera ùn dubbità chì u nimicu l'avemu da lampa fora !
Ognunu hè cuscente oramai di l'improntu di a mossa,
Amicu s'è tù caschi venerà un altru omu à la riscossa.
Dumane siccherà lu to sangue sott'à le so botte.
Cantate o fratelli chi ci sente a libertà questa notte !

È issi canti di a libertà resteranu vivi à sempiternu. Per via chì ci vulerà sempre à luttà per mantene issu spaziu di vita senza esse messi à una qualunque sottumissione da duve è da quale ella venghi. Per via chì cun tutte e libertà di spressione, di parolla, di mossa ci vulerà sempre à luttà, à difende le per fà le rispettà. A dichjarazione Universale di i Diritti di l’Omu, in lu so articulu primu dice chì :

"Tutti l’essari umani nascenu liberi è uguali in degnità è in diritti. Elli sò in dota di ragione è di cuscenza è devenu agisce unu cun l’altru in un spiritu di fratellanza."

      Hè tuttu dettu.

Aucune note. Soyez le premier à attribuer une note !

Ajouter un commentaire
 

Date de dernière mise à jour : 19/07/2019