Destini

Destini

 

Couv destiniUna longa vita d’omi, quasi un seculu sanu sanu, u XXmu. Destini d’omi di a campagna, cum’ellu ci ne hè sempre qualchì d’unu. Destini fatti di strazii è di suddisfazione, di pene è di gioie, d’azzuffi ma dinò di festighjate. Destini di ghjente impastate di qualità è di difetti, di mudestie è di pretensione, di sapiezze è di pazzie.

U secretu di Ziu Santu. Ziu Santu, u persunagiu principale di questu racontu, parte cronaca parte rumanzu, dà à riflette : "nò per sentenziose prediche, cum’ellu a scrive l’autore, ma semplicimente per un sguardu sopra à a natura umana, i so longhi fastidii, e so vechje sciagure è e so sempiterne pene. Ma ancu per e so corte stonde sebbiate, colpu risate, colpu ciarle."

Ancu puru persunagiu imaginariu, Ziu Santu, dettu Mitraglia, tene sumiglia cù isse vechje barbe cum’ellu ùn si ne vede più tanti, in questu mondu di furia, di soldu rè, di prufittu è di fanatica franasia. Un mondu chì tutt’ognunu brama di vulè fà sorte da u cunsumerisimu ingannatore ma chì ùn ci la face.

U pianò di Monserrà. Fà chì, qualchì volta, cum’ellu si dice “un sconciu vale per un acconciu” è chì, persa furtuna è astuzia, l’omu si pò rimpattà cù altre capacità. Un pocu cume un braccimozzu acquiste più forza cun l’altru bracciu. Hè ciò chì accadì à issu omu. Perse e facultà chì gestiscenu ogni attu di a vita, ne acquistò una capacità chì li aprì altri orizonti.

Ma quì, ùn circate induve nè quale ne fù l’eroe è ùn ci vidite chè a finzione d’un rumanzu... d’amore, cum’ellu ne esiste tanti è tanti.

Aucune note. Soyez le premier à attribuer une note !

Ajouter un commentaire
Code incorrect ! Essayez à nouveau